DIAVOLO IN MUSIKA

DIAVOLO IN MUSIKA

Accademia Internazionale Musicale di Roma

Molte volte il diavolo è presente nella musica classica: da Tartini a Stravinsky, da Gounod a Liszt.

Ma un nome spicca fra tutti: Niccolò Paganini!

Una vita di eccessi e sregolatezze alimentarono il mito diabolico del grande violinista ligure: le sue esibizioni erano talmente stupefacenti che iniziò a spargersi la convinzione che la sua abilità tecnica fosse frutto di un patto col diavolo...

Paganini venne così da subito considerato “il violinista posseduto dal demonio”, con largo anticipo sul blues di Robert Johnson.

Al pari di Paganini si erge la figura del leggendario pianista ungherese Franz Liszt.

Virtuoso del pianoforte senza pari, Liszt incarna la figura dell’artista romantico: fra i miti letterari che lo affascinarono profondamente quello di Faust è senza dubbio centrale.

L'uomo che, per ottenere la conoscenza, vende al diavolo la sua anima, in qualche misura rispecchiava la personalità del compositore ungherese.

Cosi il perfetto eroe romantico viene trasportato da Liszt in una fantasmagoria sonora grazie a un virtuosismo, a una brillantezza armonica e una inventiva tematica che hanno reso eterna la sua musica.

In questa serata l'Accademia Internazionale Musicale di Roma presenterà brani tratti dal repertorio di grandi compositori che hanno subito il fascino del mistico e del diabolico attraverso giovani musicisti di grande talento: il violinista Daniele Sabatini e il pianista Matteo Santolamazza.